Home » Ora anche gli italiani non pagano più le bollette: sbarcato il movimento “Io non pago”

Ora anche gli italiani non pagano più le bollette: sbarcato il movimento “Io non pago”

Anche in Italia si fa strada il movimento Don’t Pay, un moto di protesta che invita a smettere di pagare le bollette energetiche diventate troppo care.

Dal Regno Unito arriva un movimento destinato a creare grande scalpore: stiamo parlando di Don’t Pay, un vero e proprio invito alla disobbedienza che si concentra sul mancato pagamento delle bollette energetiche a partire dal prossimo mese di ottobre.

io non pago bollette
Foto di Christian Oehlenberg da Pixabay

Le motivazioni di una tale protesta vanno ricercate nel rincaro generale dei prezzi che si è concentrato soprattutto sull’aumento dei costi per energia elettrica e gas. Nel Regno Unito la situazione appare davvero disperata, considerando che l’inflazione ha superato il 13% e si avvia a valicare il confine del 18% entro le prime settimane del 2023.

Il movimento che prende il nome di “Don’t Pay” è nato in Inghilterra, ma si è fatto largo arrivando anche in Italia. Le adesioni crescono ogni giorno ed è stato lanciato anche un apposito hashtag su Twitter che chiama a raccolta tutti i cittadini che sono pronti a sfidare le autorità energetiche nei prossimi mesi rischiando di restare senza energia elettrica e possibilità di utilizzare il gas e quindi il riscaldamento tradizionale.

“Io non pago”: italiani pronti a restare al buio e al freddo per il rincaro bollette

movimento di protesta rincaro bollette
Foto di Niek Verlaan da Pixabay

I costi sono diventati davvero insostenibili per gran parte della popolazione italiana e anche per le aziende: alcune imprese rischiano il fallimento a causa delle bollette astronomiche con gravi ripercussioni sull’attuale situazione economica della Penisola. “Io non pago” è il grido di protesta rivolto a chi si accingerà a governare questo Paese, puntando a colpire le compagnie energetiche e i forti rincari decisi: per i cittadini che aderiscono al movimento ci dovrebbe essere una presa di coscienza orientata al sostegno e non una politica dei prezzi spietata che non guarda in faccia a nessuno.

Nel Regno Unito sono numerosi gli aderenti e si parla del movimento sui social e perfino sui media locali: l’obiettivo di “Don’t Pay” è quello di arrivare a chiedere al governo interventi mirati grazie alla decisione di sospendere il pagamento delle bollette a partire dal mese di ottobre.

Cosa succederà in Italia? Presto per capire se il movimento riuscirà ad attecchire anche qui da noi, ma è certa la crescente necessità delle famiglie italiane di trovare un rimedio all’esorbitante aumento dei costi per l’energia utilizzata quotidianamente tra le mura domestiche e al lavoro. L’inflazione appare ormai senza controllo e la volontà crescente è quella di un ritorno alla normalità, di costi contenuti e “umani”, che rispettino le tasche degli italiani.