Home » Pensioni, sarà aumento record: la prima sorpresa a ottobre

Pensioni, sarà aumento record: la prima sorpresa a ottobre

Con l’inflazione che viaggia verso cifre mai visti negli ultimi 40 anni, le pensioni subiranno aumenti consistenti. Dal 2023 in base ai meccanismi previsti dalla perequazione automatica, vedremo un incremento degli assegni mensili del 7 o 8%.

Se i dati dell’inflazione 2022 fossero confermati intorno a questa percentuale, la spesa per le pensioni potrebbe salire di 32 miliardi lordi nei prossimi 3 anni.

aumento pensioni
la pensione in aumento solofinanza.it

Di quanto aumenterà la pensione a ottobre? le cifre record

Ma non tutti gli aumenti arriveranno a gennaio. Si comincia già a ottobre di quest’anno.

Come previsto dal decreto Aiuti bis, tutti i pensionati con redditi fino a 35 mila euro riceveranno a partire da ottobre un primo acconto pari al 2%. A gennaio 2023, poi, saranno rivalutate le pensioni di tutti in base ai dati definitivi dell’inflazione.

A ottobre arriverà quindi un anticipo che il governo ha stabilito sulle risultanze dell’inflazione dei primi sei mesi del 2022. A cui seguirà per tutti a novembre un altro piccolo incremento il cui pagamento era programmato per gennaio 2023.

Si tratta del recupero della rivalutazione dello 0,2% dello scorso anno, questo perché l’inflazione definitiva nel 2021 è risultata pari a + 1,9% anziché dello 1,7% provvisoriamente applicato dall’INPS. Con il cedolino di novembre saranno corrisposti anche gli arretrati maturati dal 1° gennaio 2022 al 30 settembre 2022.

In tutto si tratta di un incremento del 2,2% fino a fine anno, ma solo per coloro che percepiscono assegni da 2.692 euro al mese. Gli acconti saranno poi detratti dalle rivalutazioni previste da gennaio 2023.

Gennaio: le rivalutazioni sulla pensione vediamo le cifre

uomo con aumento pensione
uomo ritira pensione solofinanza.it

La rivalutazione da gennaio 2023

Ma quello che risulta essere più interessante, è che da gennaio 2023 scatterà la piena rivalutazione della pensione per tutti. Le pensioni dovranno essere rivalutate in base ai dati definitivi sull’inflazione del 2022 che si prevede intorno al 7-8%. Quindi, sempre per chi percepisce una pensione da 35 mila euro, si tratta di aumento compreso fra 188 e 215 euro al mese per tredici mensilità. Una cifra davvero record che non si applicava da molti anni.

La spesa previdenziale assorbirà quindi una bella fetta di risorse dal prossimo bilancio statale per la perequazione automatica, cosa molto strana perché l’inflazione è rimasta molto bassa negli ultimi 10 anni.

Non tutti avranno però la rivalutazione piena della pensione. Per chi percepisce redditi alti l’incremento sarà ridotto. Al momento la legge prevede le seguenti fasce per la rivalutazione delle pensioni:

  • 100% per importi fino a 2.6062,32 euro al mese;
  • 80,9% per importi da 2.602,33 e 2.577,90 euro al mese;
  • 77,4% per importi superiori a 2.577,91 euro al mese.