Home » Google deve pagare i suoi utenti, e non poco: il perché

Google deve pagare i suoi utenti, e non poco: il perché

Google sta per risarcire tutti gli utenti iscritti ad uno dei suoi servizi, che chiuderà il 18 Gennaio 2023. L’annuncio è stato fatto dalla Mountain View, che ha esaminato tutti gli aspetti del caso ed ufficializzato la chiusura. 

La piattaforma di gaming non è riuscita a trovare il successo sperato, quindi Google ha deciso di bloccare gli acquisti, gli ordini ed ogni tipo di abbonamento e tutti i soldi che sono stati spesi verranno restituiti ai giocatori entro metà del mese di Gennaio che potranno e gli utenti potranno ancora utilizzarla fino alla completa chiusura.

piattaforma stadia google
Google chiude Stadia, la piattaforma gaming – solofinanza.it

Chiude Google Stadia

Il destino della piattaforma di cloud gaming era probabilmente già segnato al momento del lancio, dato che Stadia non ha mai ricevuto una particolare attenzione dai parte dei giocatori, nemmeno da quelli più curiosi.

Il comunicato, che ha fatto il giro del web in un brevissimo tempo, racchiude molteplici considerazioni riguardanti il caso Stadia, partendo proprio dal momento del lancio che lascia intendere il morale non troppo sereno di Google: “Non ha guadagnato l’attenzione che ci aspettavamo, nonostante l’approccio ai giochi in streaming sia stato costruiti su solide fondamenta”.

Nello stesso comunicato Google rassicura i propri clienti annunciando un completo rimborso di tutti gli acquisti hardware Stadia (Stadia Controller, Founders Edition, Première Edition, pacchetti Play and Watch con Google TV) effettuati sullo store e per tutte le transazioni riguardanti i software (giochi e componenti aggiuntivi) acquistate tramite lo Store Stadia.

Gli unici elementi non rimborsabili sono gli abbonamenti Pro, ma l’azienda garantisce che i proprietari potranno continuare a giocare fino alla chiusura definitiva della piattaforma, datata il 18 Gennaio 2023.

Attualmente l’azienda Mountain View ha bloccato ogni possibilità di acquisto all’interno del market ed impedirà ogni transazione in-game e garantisce che i rimborsi verranno erogati intorno alla metà di Gennaio.

stadia gaming google
Google Stadia chiuso, addio piattaforma – solofinanza.it

Cos’è Google Stadia?

Google Stadia è una piattaforma di gaming che permette di giocare ai videogiochi sui dispositivi già posseduti, come desktop, laptop, tablet, telefoni compatibili o tramite TV.

Il catalogo offre una vasta gamma di giochi, acquistabili e subito pronti all’uso e, nel caso in cui i giocatori avessero voluto approfittare di una scelta ancora più ampia avrebbero potuto comprare l’abbonamento a Stadia Pro, a 9,90 euro al mese. Questa funzione è stata disabilitata per facilitare le procedure di rimborso attuate in vista della chiusura.

Per usare Stadia sono sufficienti un dispositivo compatibile ed una buona connessione internet. Il punto forte di questa piattaforma riguarda proprio il fatto che non servano download o aggiornamenti, il gioco è pronto già al momento dell’acquisto.

Questo vantaggio però non è riuscito a conquistare i cuori degli utenti, causando la chiusura dell’intera piattaforma firmata Google.