Home » Pellet, crollano i prezzi e va a ruba: cosa sta succedendo

Pellet, crollano i prezzi e va a ruba: cosa sta succedendo

Il pellet fino ad un paio di anni fa risultava essere il combustibile più economico presente sul mercato ed era così invitante che tantissime famiglie hanno deciso di acquistare una stufa a pellet per risparmiare sul riscaldamento, il sogno però è durato ben poco.

Gli eventi avvenuti negli ultimi anni hanno alzato notevolmente i prezzi del pellet che, a causa delle mancate forniture, ha triplicato il costo al sacco. Questa tendenza fortunatamente potrebbe arrestarsi molto in fretta grazie alla novità dei prossimi giorni.

carico pellet
Pellet, calano i prezzi – solofinanza.it

Pronto un carico di pellet, i prezzi si abbasseranno

Il pellet è un combustibile ad alto potere riscaldante, ecologico ed economico, almeno fino a qualche tempo fa. I prezzi iniziali però, che permettevano di acquistare un sacco da 15 kg con appena 5 euro, potrebbero tornare grazie alle nuove forniture in arrivo in Sicilia, più precisamente nel porto di Catania.

In molte famiglie quindi potranno tirare un sospiro di sollievo, evitando di far fronte a tutti i rincari delle utenze che travolgeranno l’intera Italia nei prossimi mesi.

costo pellet
Pellet – pixabay

La nave carica di pellet arriva a Catania

Il direttore operativo di BioEnergy Europe S.R.L., Fonzie Brancato, ha commentato la buona notizia: “Già dallo scorso Gennaio la nostra regione, così come in tutta Italia, ha iniziato ad avvertire la mancanza di pellet a causa della crisi dei trasporti via nave. Molto del prodotto importato arriva da Brasile, Stati Uniti e Canada via container ed oltre ad una progressiva diminuzione delle disponibilità si è assistito ad un progressivo aumento del prezzo.

Ad aggravare in maniera importante la crisi del pellet è stata la guerra in Ucraina che ha di fatto interrotto le forniture da Ucraina, Russia, e Bielorussia. Queste tre nazioni anche se coprivano solo in parte le necessità del mercato italiano, sono tra i maggiori fornitori di pellet destinato alle centrali elettriche nord europee, che hanno spostato i loro acquisti nelle nazioni che usualmente riforniscono i mercati del pellet ad uso domestico, causando ancora più carenza e facendo raddoppiare i prezzi.

Oggi finalmente la Sicilia ,esattamente nel porto di Catania, ha la sua prima nave di pellet sfuso. E’ arrivato un carico da 5mila tonnellate di pellet certificato ENplus A1 destinato a riscaldare migliaia di famiglie siciliane. E’ solo la prima di una serie di operazioni che porteremo a termine nei prossimi mesi, che ci permetterà quantomeno di non far mancare il prodotto nel nostro mercato, con la speranza che i prezzi nel prossimo futuro possano calmierarsi. Un ringraziamento speciale va nostro principale partner commerciale, il Gruppo Arena e al suo direttore generale Giovanni Arena per la sua lungimiranza e fiducia”.