Home » Un asteroide potrebbe colpire la Terra molto presto: il pericolo è vicinissimo

Un asteroide potrebbe colpire la Terra molto presto: il pericolo è vicinissimo

Nasa: corpo celeste «potenzialmente pericoloso» in avvicinamento. Cosa ci dicono davvero i dati a nostra disposizione sulla rotta dell’asteroide RM4.

Un asteroide sta per colpire la Terra, la Nasa ci avvisa che il pericolo è molto vicino. Scopriamo tutti i dettagli della vicenda.

asteroide-solofinanza.it

Un pericoloso Asteroide sta per colpire la Terra, quando è previsto?

Gli astronomi del Panoramic Survey Telescope and Rapid Response System (Pan-STARRS1) hanno individuato un gigantesco asteroide che, la sera di martedì 1 novembre, sorvolerà la Terra.

Il corpo celeste è stato ribattezzato RM4 e la Nasa lo ha classificato come «potenzialmente pericoloso». Questa denominazione non deve però allarmarci, l’asteroide è stato oggetto di accertamenti costanti da parte degli esperti che lo hanno avvistato e non c’è nessun rischio di impatto con il nostro pianeta.

Il sua massimo avvicinamento sarà infatti pari 2,3 milioni di chilometri. Il sorvolo dei prossimi giorni è piuttosto una straordinaria occasione d’osservazione spaziale e di studio più approfondito per gli addetti ai lavori.

Una scoperta simile tuttavia ci porta a interrogarci con rinnovato interesse sulla sicurezza spaziale terrestre e su quali siano le strategie che ad oggi gli enti aerospaziali sono in grado di mettere in atto qualora si presenti un concreto un rischio di collisione.

La scoperta dell’asteroide potenzialmente pericoloso, la Nasa rassicura

un asteroide colpirà la Terra presto
asteroide contro la Terra-solofinanza.it

Il corpo extraterrestre è stato avvistato per la prima volta dal team del Panoramic Survey Telescope and Rapid Response System il 22 settembre scorso, quando RM4 si trovava a oltre 90 milioni di chilometri dalla Terra.
Da allora non è stato più perso d’occhio.

L’asteroide infatti è stato da subito oggetto di vivo interesse ed attenzione scientifica da parte dell’Istituto di astronomia dell’Università delle Hawaii, del MIT Lincoln Laboratory e di altri centri di ricerca statunitense che hanno coordinato gli studi i propri studi d’osservazione per raggiungere il massimo gradi di precisione predittiva.

Questi esperti si avvalgono infatti di una vasta rete di telescopi sita all’Osservatorio di Haleakala che scandaglia costantemente lo spazio profondo a caccia di nuovi asteroidi. Comete e pianeti che viaggiano vicino all’orbita terrestre. Corpi simili sono detti «oggetti vicini alla Terra», meglio noti con il loro nome inglese «Near-Earth objects» o con il loro acronimo Neo.

RM4 sorvolerà la Terra alle 19:27 ora italiana mantenendosi ad una distanza rassicurante di 0,01536 Unità Astronomiche. Quasi sei volte la distanza media che intercorre tra la Terra e la Luna.

L’asteroide in questione è però stato classificato dalla Nasa come «potenzialmente pericoloso» in virtù delle sue impressionanti dimensioni. Basti pensare che gli studi osservativi di questi mesi parlano di un diametro compreso tra i 330 e 740 metri. Per una comparazione che renda l’idea pensiamo al Burj Khalifa di Dubai, l’edificio più alto del mondo, che si attesa a 828 m.