Home » Quoziente familiare: quali saranno in vantaggi e a chi spetteranno

Quoziente familiare: quali saranno in vantaggi e a chi spetteranno

Il governo di centrodestra della Meloni sta per cominciare ad attuare i primi cambiamenti al paese, primo tra tutti sicuramente sarà il Quoziente familiare, una nuova strategia di calcolo da applicare per tasse e bonus.

Il Quoziente familiare andrà a stravolgere completamente l’attuale metodo di calcolo delle tasse, in particolare l’Irpef. Questa misura andrà a favorire specialmente le famiglie monoreddito e quelle numerose, ecco cosa cambierà nel prossimo futuro.

tasse famiglia
Quoziente Familiare – solofinanza.it

Il Quoziente familiare, cos’è e come funziona

Il Quoziente familiare previsto dal governo Meloni viene applicato come sostegno alle famiglie che , pur godendo di più di un reddito, hanno dovuto subire un regime di tassazione molto pesante.Con l’applicazione di questa novità il conteggio delle tasse viene effettuato basandosi quasi esclusivamente sul numero di componenti del nucleo familiare, dove più si è e meno si dovrà pagare in tasse.

Il Quoziente familiare divide il reddito complessivo della famiglia per il numero di persone presenti (coppie, figli, parenti a carico conviventi) abbassando anche di molto il carico fiscale.Per fare un esempio si può considerare un uomo che guadagna 60 mila euro lordi all’anno, il quale con l’attuale regime viene tassato allo stesso modo di un uomo sposato che ha lo stesso reddito lordo annuo che ha a carico figli e coniuge.

Il Quoziente familiare è ispirato al sistema in vigore in Francia sin dagli anni ’50, la quale con il tempo ha attuato anche degli adeguamenti per dare un peso diverso ai componenti familiari.

vantaggi famiglie numerose
Vantaggi famiglie – pixabay

Chi godrà dei vantaggi del Quoziente familiare

Considerata la grandissima disparità che si verrebbe a creare nella situazione descritta in precedenza, il Quoziente familiare interverrebbe proprio a favore della famiglia numerosa, abbassando le tasse per godere di un maggiore potere di acquisto così da poter provvedere ai bisogni familiari.

L’equità tributaria portata dal nuovo metodo di calcolo aiuterebbe ad abbassare il reddito imponibile negli scaglioni Irpef di fascia inferiore. Nell’esempio precedente l’uomo che vive da solo continuerebbe ad avere una tassazione del 43% mentre l’uomo con la famiglia a carico si ritroverebbe nello scaglione da 23%.

Nel caso in cui nella famiglia più componenti lavorino il Quoziente familiare agirà sul conto applicando una media dei due redditi, così da rendere equilibrata l’aliquota di imposta.

I reali vantaggi saranno visibili soprattutto nelle famiglie con i redditi alti, superiori ai 50mila euro, dove la tassazione verrà diminuita per ogni componente familiare a carico, figli compresi o le famiglie con un grande divario di reddito.