Home » Opzione donna: il futuro incerto della pensione anticipata con il Governo Meloni

Opzione donna: il futuro incerto della pensione anticipata con il Governo Meloni

Le donne lavoratrici potranno ancora usufruire del pensionamento anticipato Opzione donna? Facciamo un po’ di chiarezza.

Attualmente, sul tavolo dell’esecutivo è al vaglio la proposta di prorogare fino al 2023 Opzione Donna, la misura che permette alle donne lavoratrici di usufruire del pensionamento anticipato. Ad ogni modo, in attesa della riforma pensioni di fine anno, Opzione donna resta una misura ancora disponibile per le donne lavoratrici dipendenti nel settore pubblico e privato e alle donne autonome, che vogliono usufruire della pensione anticipata. Vediamo quali sono i requisiti per accedere al beneficio Opzione Donna e come presentare domanda.

proroga opzione donna
proroga opzione donna – canva

Opzione donna: cos’è?

Si tratta di una misura che permette alle donne lavoratrici dipendenti del settore pubblico e privato e alle donne lavoratrici autonome, di andare in pensione anticipata e percepire un assegno calcolato interamente sul sistema contributivo. Dal 2004, questo trattamento pensionistico è stato prorogato di anno in anno e pare che, attualmente sia sul tavolo dell’esecutivo la proposta di una ulteriore proroga al 2023.

Chi può presentare domanda di pensionamento anticipato Opzione donna?

Premesso che i requisiti necessari per poter accedere al beneficio Opzione Donna dovevano essere necessariamente maturati entro il 31 dicembre 2021, occorrono almeno 35 anni di versamenti dei contributi obbligatori ed un’età anagrafica di almeno 58 anni per le lavoratrici dipendenti, di 59 anni nel caso di lavoratrici autonome. In più, nel caso di lavoratrici dipendenti, è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro dipendente. Una volta verificati questi requisiti, il trattamento pensionistico parte dal 2023.

Come presentare domanda di pensionamento anticipato Opzione donna?

La domanda può essere inoltrata online, attraverso il servizio dedicato sul sito ufficiale dell’INPS. Per chi non dovesse essere pratico con le nuove tecnologie, l’INPS dà la possibilità di presentare la domanda di pensionamento anticipato Opzione donna, anche tramite enti di patronato oppure contattando il Contact center. Il numero da digitare per i telefoni fissi è 803 164 ed è gratuito per i telefoni fissi. In alternativa, è possibile chiamare con dispositivi mobili digitando il numero 06 164 164. Normalmente, i tempi di lavorazione della domanda sono di circa 55 giorni lavorativi.

Opzione donna: le ipotesi su una proroga dal Governo Meloni

Anche se non è ancora arrivata, si respira aria di proroga. Infatti, stando alle ultime notizie pare sia oggetto di analisi sul tavolo dell’esecutivo.

opzione donna proroga
opzione donna proroga risparmi- canva

Una Opzione donna 2023, significherebbe lo slittamento della data, per la maturazione dei requisiti necessari al pensionamento anticipato, dal 31 dicembre 2021 al 31 dicembre 2022. Ma al momento, non resta che aspettare la riforma pensioni in programma per fine anno.