Home » Lavoro, qualcuno riceverà a breve gli arretrati in busta paga: scopri se ci sei anche tu

Lavoro, qualcuno riceverà a breve gli arretrati in busta paga: scopri se ci sei anche tu

Buone notizie per i lavoratori dipendenti del pubblico impiego: entro fine anno in arrivo gli arretrati direttamente in busta paga. Scopri se fra questi ci sei anche tu.

 

La somma arretrata, legata ai contratti 2019-2020, sarebbe di oltre 3mila euro e ad essere interessati sono quattro settori del settore pubblico: le funzioni centrali, ovvero i ministeri e le agenzie fiscali, come l’agenzia delle entrate; gli enti locali; la sanità; la scuola.

busta paga più ricca
busta paga – solofinanza.it

 

Tali arretrati comprendono anche il 2021 e i primi dieci mesi del 2022, ma quali sono le tempistiche e, soprattutto, di che cifre si parla? Alcuni lavoratori dei ministeri, già negli scorsi mesi, hanno ricevuto gli arretrati.

Arretrati in busta paga per i lavoratori. A quanto ammontano le cifre?

infermiere
web

Adesso è il turno di chi lavora negli ospedali e nelle cliniche private. Per loro l’importo dovuto va dai 2.268 euro ai 3.1235 euro lordi. In particolare, gli infermieri, con la nuova indennità prevista dal CCNL, dovranno ricevere fino a 3.777 ai 4.736 euro lordi per il livello D6.

Per i dipendenti comunali gli arretrati previsti arriveranno entro la fine del 2022. L’intesa tra l’Aran e i sindacati, che comporta un aumento medio di poco superiore ai 100 euro lordi mensili, è stata siglata il 5 agosto scorso. Al momento si attende che sia validata dal ministero dell’economia e dalla Corte dei conti. Si prevede che l’erogazione degli arretrati si avrà il 5 dicembre. Per questi lavoratori le cifre vanno dai 1.444 euro ai 1.977 euro lordi.

A maggio è arrivato il rinnovo del contratto per i dipendenti pubblici dei ministeri, delle agenzie fiscali e degli enti non economici e con esso sono stati previsti gli aumenti mensili e il recupero degli arretrati per circa 225mila statali.

Buone notizie, insomma per alcune categorie di lavoratori mentre si aspettano novità anche da altri comparti e dalle pensioni. Anche per chi non lavora più è previsto un aumento a partire dal prossimo cedolino di settembre. In attesa delle Politiche del 25 settembre che potrebbero scombussolare tutto, nel bene come nel male.