Home » Bonus anzianità per chi non riesce a proseguire il lavoro: come ottenerlo

Bonus anzianità per chi non riesce a proseguire il lavoro: come ottenerlo

Esiste un “bonus anzianità Inps” che permette il pensionamento anticipato dei lavoratori in difficoltà: ecco di cosa si tratta e come richiederlo.

I soggetti fragili che, a causa di diversi tipi di disabilità, non riescono più a svolgere il proprio lavoro possono richiedere il pensionamento anticipato secondi diverse modalità.

bonus anzianità
bonus anzianità su solofinanza.it

I lavoratori dipendenti pubblici affetti da malattia possono ottenere il “bonus anzianità Inps”, meglio conosciuto come pensionamento anticipato che può essere richiesto nel momento in cui le proprie condizioni salute subiscano un aggravamento. Sul sito dell’INPS si legge, nello specifico, la spiegazione della circostanza per la quale se un lavoratore dipendente pubblico, quindi regolarmente iscritto alla forma di previdenza esclusiva dell’Assicurazione Generale Obbligatoria, non riesce a proseguire il proprio lavoro a causa del peggioramento delle condizioni di salute, può richiedere un bonus anzianità INPS, ossia la cosiddetta pensione di inabilità.

Bonus anzianità: come richiedere la pensione anticipata per cause di salute

pensione anticipata
pensione anticipata su solofinanza.it

A disciplinare la situazione ci pensa l’articolo 2, comma 12, della legge 8 agosto 1995, n. 335, secondo cui il lavoratore dipendente pubblico ha il diritto “a conseguire un trattamento pensionistico nei casi in cui la cessazione del servizio sia dovuta a infermità non dipendente da causa di servizio e per la quale gli interessati si trovino nell’assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa”.

Come richiedere la pensione di inabilità? Bisogna presentare la domanda all’amministrazione della società o azienda o ente presso cui il dipendente lavora o lavorava fino all’aggravarsi della propria salute. La domanda in questione deve essere accompagnata da un certificato medico che attesti lo stato di inabilità assoluta e permanente a svolgere qualsiasi attività lavorativa.

Va precisato che l’importo del bonus anzianità non è uguale per tutti, ma cambia di caso in caso, a seconda della condizione di chi presenta la domanda di pensione anticipata. Secondo l’articolo già citato il bonus anzianità INPS va calcolato “come se l’iscritto avesse lavorato fino al compimento del 60° anno di età oppure fino al 40° anno di servizio”. Una pensione mensile erogata a vita e reversibile a tutti gli effetti nei confronti dei familiari aventi diritto.

Quando viene erogato il bonus? La pensione di anzianità curata dall’Inps viene erogata a partire dal giorno successivo alla fine del rapporto di lavoro. Bisogna prestare attenzione al momento in cui si presenta la domanda: se quest’ultima viene consegnata dopo la risoluzione del rapporto di lavoro, la pensione sarà conseguentemente erogata a partire dal primo giorno del mese successivo.