Home » Assegno Unico: Isee e importi non sono più gli stessi, e non è una cattiva notizia

Assegno Unico: Isee e importi non sono più gli stessi, e non è una cattiva notizia

L’assegno unico, sostegno rivolto alle famiglie con figli a carico, introdotto nel Family Act sta per essere riallineato alla situazione economica italiana attuale. Questo cambiamento permetterà di rivalutare i limiti ISEE richiesti per accedere al bonus.

A partire dal nuovo anno, i limiti ISEE e gli importi verranno totalmente ricalcolati per fare fronte agli aumenti del costo della vita che tutte le persone devono sostenere. In particolare, gli importi risulteranno più allineati al livello di inflazione attuale.

assegno unico - solofinanza.it
assegno unico – solofinanza.it

Quali sono i nuovi limiti?

I rincari dei prezzi hanno portato tantissime famiglie a vivere in condizioni molto critiche, soprattutto dopo il periodo di pandemia di Covid19. La crisi italiana tuttavia non comprende solo le grandi perdite economiche post lockdown, infatti la guerra attuale tra Russia e Ucraina ha incrinato molto i rapporti tra le nazioni e tutti i prodotti che venivano importati da questi due stati ora risultano irreperibili in Italia, causando la chiusura di molte aziende produttrici.

Tra le cause dell’aumento dei prezzi compare anche l’inflazione, che ad Agosto è arrivata a toccare il +8% ed ha comportato rialzi nei costi di tutti i beni di prima necessità, soprattutto alimenti e prodotti legati all’igiene o dedicati alla cura dei bambini.

Considerati tutti questi fattori, il Governo ha ricalcolato il tetto ISEE massimo con cui si può fare richiesta per ottenere l’Assegno Unico, che ora è di 16.200 euro e non più 15.000 fino ad un massimo di  43.200 euro invece dei precedenti 40.000.

Chiunque abbia accesso all’Assegno Unico ora può ricevere 189 euro al mese invece di soli 175 accordati in precedenza. Chi invece fa parte dell’ultima soglia e che quindi ha un ISEE più alto, riceverà 54 euro invece di 50.

Come ottenere il bonus

Chi ha avuto accesso al bonus nel 2022 dovrà inviare una nuova domanda all’INPS che si occuperà di erogare l’importo con le stesse modalità viste in precedenza. Secondo le statistiche nel 2022 hanno goduto dei vantaggi dell’Assegno Unico cista 5,3 milioni di famiglie italiane, tra Marzo e Giugno.

Nel caso in cui non siano stati fatti cambiamenti all’interno dei nuclei familiari (ISEE o età dei figli), l’assegno verrà rinnovato in automatico dall’INPS, quindi non ci sarà bisogno di fare ulteriori richieste.

nuovi limiti per l'assegno unico - solofinanza.it
nuovi limiti per l’assegno unico – solofinanza.it

Se si è residenti all’estero non si avrà la possibilità di godere di questo bonus, mentre possono fare richiesta tutti gli italiani che svolgono attività lavorative fuori dal confine, dimostrando però di avere residenza in Italia.

Bonus come questi, messi a disposizione dal Governo, possono aiutare le famiglie ad alleggerire il carico delle spese presenti e future, specialmente in vita dei rincari delle bollette di gas, luce ed acqua che sono tutt’ora oggetto di discussione.