Conto corrente: c’è chi dice no all’aumento dei costi

Di , scritto il 01 Agosto 2019
conto corrente

L’apertura di un conto corrente rappresenta, da sempre, il primo approccio di un risparmiatore con il variegato e complesso mondo finanziario. Grazie ad esso, oltretutto, si ha modo di accedere ad una pluralità di servizi come Bancomat, Carte di Credito, Home Banking, Trading e molto altro ancora: chi ne sottovaluta l’utilità, quindi, dovrebbe comprenderne la straordinaria importanza e quanto possa semplificare la vita di ogni comune cittadino. L’offerta per aprire un conto corrente, oramai, è ampia ed alla portata di tutti, grazie anche all’avvento delle nuove tecnologie e la prepotente entrata in scena dei cosiddetti “conti correnti online”.

Ultimo quinquennio, cambia il trend: costi dei conti correnti in aumento

La diffusione capillare della rete, quindi, ha avuto un grande impatto anche nel mondo finanziario, da un servizio basilare come il conto corrente sino al trading online, che consente ai risparmiatori di operare direttamente sui mercati nella compravendita dei titoli finanziari. Ma se fare trading non è prerogativa di ogni utente bancario, altrettanto non si può dire del conto corrente, elemento imprescindibile per ogni individuo. Rispetto agli anni ’90, ovvero prima dell’esplosione del “fenomeno internet”, i costi dei conti correnti sono sensibilmente diminuiti anche per la clientela tradizionale dello sportello bancario: gli istituti di credito, onde evitare di perdere consistenti fette di mercato in favore delle banche online, hanno attutato una revisione al ribasso del proprio listino prezzi.

Negli ultimi anni, però, si è assistita ad un’inversione di tendenza: canoni mensili e spese di gestione hanno subito dei ritocchi non riscontrando, per quanto ovvio, il gradimento dell’utenza bancaria. Anche i clienti delle banche online, ahi loro, hanno visto aumentare i costi, talvolta non direttamente alla voce “spese di gestione” ma ad alcuni servizi collaterali al conto corrente medesimo. I motivi di questi aumenti vanno ricercati, essenzialmente, in due fattori scatenanti: la perdurante politica espansionistica attuata dalla Banca Centrale Europea al fine di rilanciare l’economia della “zona-euro”, che ha comportato tassi ufficiali negativi e, conseguentemente, una mancata remunerazione per i depositi bancari a breve termine, ovvero maggior costi per gli istituti di credito sulle somme depositate nei conti correnti dai loro clienti; i fondi attinti da  “Atlante” – fondo istituito dalle banche per far fronte ad eventuali default o crisi di istituti di credito italiani – per evitare il collasso di alcuni istituti e preservare, conseguentemente, migliaia di posti di lavoro.

Risparmiare allo sportello è possibile e… pratico!

Non tutte le banche, però, hanno deciso di migrare i maggior costi sostenuti sul listino prezzi dei conti correnti dei propri clienti. Scelta, dato il trend in corso ormai da svariati anni, che è stata vista di buon occhio da moltissimi risparmiatori, che percepiscono come le banche tradizionali, nei loro sportelli spesso considerati non alla moda, riescano a stare al passo con le esigenze dei cittadini, ancora lontani dal tenore di vita che potevano permettersi prima della grande crisi economico-finanziaria della fine dello scorso decennio. Ad esempio, il “Conto Pratico” può risultare estremamente utile e conveniente per chi, stanco dagli aumenti perpetrati dal proprio istituto di credito, decide di affidare i propri risparmi ad un’altra banca: tutte le informazioni dettagliate sul conto di BNL si trovano su contocorrente.net.

La possibilità di risparmiare, quindi, non è una chimera anche per chi decide di non rivolgersi alle banche online. D’altronde, lo sportello bancario, per quanto possa risultare “antiquato” come concetto, consente di relazionarsi direttamente con un operatore e poter chiarire, in real time, ogni dubbio o esigenza degli utenti: al giusto prezzo, quindi, sempre più persone decidono di presentarsi nuovamente in filiale a discapito del virtuale. Oltre alle spese di gestione del conto corrente, è buona norma valutare anche gli eventuali costi sostenuti per i servizi collaterali come le carte di pagamento o – per gli amanti del mondo finanziario – del dossier titoli, in modo da aver un quadro completo dei costi effettivamente sostenuti.


2 commenti su “Conto corrente: c’è chi dice no all’aumento dei costi”
  1. ANNA ha detto:

    ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gmail.com).

    Sono partner di molte banche e ho molto capitale nelle sue banche. Hai bisogno di prestiti tra privati ??per affrontare difficoltà finanziarie e, infine, per uscire dalla situazione di stallo creata dalle banche, con il rifiuto dei tuoi file di domanda di credito, siamo un gruppo di esperti finanziari in grado di aiutarti a raggiungere l’importo di cui hai bisogno e in condizioni che ti semplificheranno la vita.
    Concediamo prestiti che vanno da 1 mese a 30 anni e diamo tra 2 000 e 10 000 000 €.
    Il nostro tasso di interesse è del 2% all’anno, ecco le aree in cui possiamo aiutarti:
    * Finanziario
    * Prestito ipotecario
    * Prestito di investimento
    * Prestito auto
    * Debito di consolidamento
    * Rimborso del credito
    * Prestito personale
    * Sei registrato
    * Le banche vietano e tu non hai il favore delle banche o piuttosto hai un progetto e devi **** per contattarmi e io ti aiuterò.
    E-mail: economie.finance92@gmail.com

  2. Stefania Conti ha detto:

    Questa prova è vero prestito. Sono una donna con 2 figli. Dalla morte del mio marito, mi sono trovato in difficoltà. E sono stato respinto da banche. Ho letto una prova di prestito che ha parlato di un uomo onesto e serio che il mio aiutare per un prestito di 70000€. Allora ho deciso di annunciare quest’opportunità a voi che non avete il favore delle banche ecco sono e-mail: diegozumerle71@gmail.com


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009