ADOC: Class-action contro le case editrici dei libri scolastici

Di , scritto il 04 Giugno 2008

LibriMentre i libri scolastici si avviano a essere digitalizzati, c’è chi si mette in marcia per una class-action contro quelle case editrici che i manuali di testo li pubblicano da diverso tempo, in versione cartacea.

E’ ADOC, il sindacato dei consumatori, a farsi carico dell’iniziativa e chiede il rimborso di quanto pagato in più dai genitori degli scolari, negli scorsi cinque anni scolastici. Secondo ADOC, infatti, le maggiori case editrici di libri per la scuola, avrebbero fatto un bel cartello, un’intesa che avrebbe portato a un allineamento dei prezzi di mercato, con costi finali sempre crescenti per l’utenza e la cancellazione della libera concorrenza e del libero mercato.
ADOC parla con dati alla mano: secondo le stime più credibili, sembra che l’aumento del prezzo sia stato di circa il 10-15% all’anno.

Nasce così la prima class-action italiana contro le case editrici.
Chi volesse ottenere il risarcimento di quanto speso in più negli ultimi cinque anni, potrà recarsi presso uno degli sportelli Adoc presenti su tutto il territorio nazionale, mostrare la tessera dell’Associazione valida per il 2008 o iscriversi per l’occasione,  e compilare l’apposito modulo di adesione. Sul sito ufficiale potete vedere la lista delle case editrici coinvolte.

[Via ADOC]



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009