Risolvere gli ultimi dubbi sull’IMU e calcolarla con un’app

Di , scritto il 06 Giugno 2012

Ricorderemo per sempre l’IMU come una delle imposte più pasticciate della storia italiana o forse mondiale. La maggior parte dei problemi sorti nel tempo sono stati sviscerati, ma eccone alcuni estremamente comuni per i compilatori:

* Prima riga del modulo: che cosa scrivere nelle caselle “Codice ufficio” e “Codice atto”? Non sono da compilare perché non richiesti dall’ente impositore (così almeno recitano le Istruzioni ufficiali).

* Nel box “Motivi del pagamento” occorre indicare la sigla EL (ovvero, ‘ente locale’) e un codice tributo (che differisce per ciascuna tipologia di immobile e va reperito sul sito web di ogni comune).

* Invece, il “Codice ente” è quello che identifica ogni singolo municipio (bisogna prendere le ultime cinque cifre o lettere del codice fiscale del comune e togliere l’ultima cifra o lettera).

Segnaliamo poi un’altra app gratuita per iPhone e iPad, CalcoloIMU, precisa e aggiornata (rispecchia il software disponibile sul sito omonimo) e in grado di lavorare anche senza connessione Internet. Permette anche di richiedere la visura catastale dell’immobile se non se ne conosce la rendita, di calcolare l’IMU per ogni destinazione d’utilizzo e tipologia di immobile, con tutte le detrazioni possibili. Integra inoltre un servizio di news aggiornate direttamente dal sito.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009