Disoccupazione USA: il dramma non è paragonabile a quello italiano

Di , scritto il 06 Dicembre 2008

usa 2Dopo i problemi di salute (propria, dei familiari e dei cari) c’è solo un altro aspetto della vita che può procurare maggiori dolori: il posto di lavoro. E più esattamente, la perdita di quel posto, ossia la disoccupazione. È un dramma, una situazione che frustra e annienta. Purtroppo, la tragedia investe adesso gli USA con particolare violenza: a novembre, bruciati 533.000 posti di lavoro.

Lasciando stare le proporzioni (impossibile fare un paragone con l’Italia, viste le dimensioni), c’è anche chi mette sullo stesso piano il disoccupato italiano con quello americano. Si tratta di un errore. Per carità, anche lo sfortunato a stelle e strisce soffre come un cane. Ma esistono due sostanziali differenze.

Uno. Il disoccupato USA ha molte più possibilità di riciclarsi e di farlo rapidamente. Questo, nonostante la crisi. Il nostro disoccupato, invece, deve penare parecchio per trovare un altro lavoro (sempreché ci riesca).

Due. In Italia stravince la raccomandazione, specie per i posti più belli. E se la conoscenza giusta non l’avevi prima, difficilmente te la fai quando sei disoccupato. Negli States c’è maggiore meritocrazia.

[foto via flickr.com/photos/gocardusa]



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009