Come rateizzare i debiti con il Fisco

Di , scritto il 10 Maggio 2012

Pagare a rate in Italia è un’abitudine sempre più comune, soprattutto ora che la crisi mette ogni giorno di più in difficoltà i bilanci familiari. Grazie al Decreto Semplificazioni è diventato più facile dilazionare anche i pagamenti dovuti al Fisco. La rateizzazione dei pagamenti tributari può avvenire in questo modo:

* Per importi inferiori a 5000 euro, la somma dovuta potrà essere divisa in 6 rate trimestrali.

* Per importi superiori ai 5000 euro, si può optare per una dilazione fino a un massimo di 20 rate trimestrali, con importo costante o decrescente.

La prima rata deve essere versata entro e non oltre i 30 giorni successivi al ricevimento della comunicazione. E’ fondamentale rispettare questa scadenza: in caso contrario, decade il diritto a rateizzare la somma. Le rate successive saranno comprensive degli interessi stabiliti dalla legge.

Il provvedimento permette di rateizzare sempre la cartella dei pagamenti e stabilisce che la rateazione decade solo nel caso in cui non si paghino almeno due rate consecutive.

In caso di comprovata difficoltà economica, è possibile ottenere un rateizzazione fino a un massimo di 72 rate mensili. Con la possibilità di un rinnovo qualora ci sia un dimostrato peggioramento della situazione finanziaria del contribuente.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009