I casinò italiani iniziano l’anno in calo

Di , scritto il 10 Giugno 2018

Per la storia dei casinò italiani, da sempre simbolo di sfarzo e ricchezza, non è uno dei momenti più rosei. Stando al bilancio di febbraio 2018, infatti, l’andamento complessivo delle strutture fisiche in cui è possibile praticare il gioco d’azzardo è negativo. Tra le possibili motivazioni, un cambiamento delle abitudini dei giocatori, che non solo privilegiano certi giochi rispetto ad altri, ma scelgono anche modi di fruizione differenti, come il gaming online

pixabay.com

Casinò italiani: chi sale e chi scende

Il mese di febbraio sarebbe stato caratterizzato da una chiusura in negativo per tutti i casinò d’Italia, ad eccezione di quello di Venezia. Il più antico casinò del mondo, inaugurato nel lontano 1638, sembra resiste alle mode e allo scorrere del tempo, registrando un aumento degli incassi del 18,15 % rispetto al mese di febbraio del 2017, per un incasso totale di 7,9 milioni di euro. La situazione cambia al casinò di St. Vincent, dove gli introiti scendono del 4,3 %, per un totale di 4,1 milioni di euro. In calo anche i risultati del casinò della Val d’Aosta, con una riduzione degli incassi del 4,5 % (9 milioni di euro) e di quello di Sanremo, con un decremento dell’11,4 % (3,5 milioni di euro). Non migliora il casinò di Campione d’Italia, in calo addirittura dell’11,5% a gennaio e del 13,8% a febbraio.

A cosa giocano i visitatori dei casinò italiani?

Un’analisi più approfondita dei risultati delle case da gioco nei primi mesi dell’anno ci permette di scoprire quali sono i giochi preferiti da chi le sceglie. Nel casinò di Venezia, a fare la parte del leone sono state le slot machine, in aumento del 12,2 % rispetto ad un anno fa, con 4 milioni di euro d’incassi: un andamento differente rispetto a Sanremo, dove i guadagni per le slot sono diminuiti dell’1,7%. I giocatori hanno mostrato di apprezzare anche la roulette francese, con 1 milione di giocate a Venezia ed un aumento del 47,6% a St. Vincent e dell’11,3% a Campione d’Italia. Sono leggermente diminuiti gli incassi di chemin de fer e blackjack. Ma in generale è il numero di giocatori che frequentano i casinò ad essere in calo. A Venezia si è registrato il 10 % in meno di visitatori in un periodo, come quello del Carnevale, in cui l’antica repubblica marinara è solitamente invasa dai turisti. Lo stesso vale per il casinò di St. Vincent (-14,7%), Sanremo (-15%) e Campione d’Italia (-9,2%).

Case da gioco: le possibili ragioni del calo di introiti

Le motivazioni alla base di questo calo generalizzato degli incassi delle case da gioco italiane possono essere di vario genere, e non tutte necessariamente collegate in modo diretto all’attività in questione. Tra queste possiamo pensare ad una diminuzione del turismo, o almeno del turismo legato al gioco, nei primi mesi del 2018. Un’altra delle possibili ragioni è legata ad un cambiamento di abitudini degli italiani, e con loro di molti europei, dovuto alla crisi economica degli ultimi anni. Durante questo periodo, non particolarmente florido, abbiamo riscoperto una vecchia forma d’intrattenimento, quello casalingo. Invece di uscire e recarci nei locali, dai ristoranti ai bar, alle case da gioco, abbiamo imparato a fare di necessità virtù, prendendoci gusto. Sono arrivati i film e le serie tv da guardare in streaming su canali come Netflix, sono tornati di moda i videogiochi collaborativi da salotto, a cui dedicarsi con amici e familiari, e anche le cene e le feste a tema sono diventate una forma d’intrattenimento particolarmente apprezzata.

Il gaming online, un’alternativa virtuale alle case da gioco

pixabay.com

Se da una parte le case da gioco, almeno in Italia, registrano un calo delle affluenze e una riduzione degli introiti, dall’altra i casinò online sulle piattaforme virtuali vivono un momento particolarmente florido. Ad essere attratti da questi ultimi sono certamente i giovani, nativi digitali abituati a fare di tutto con un computer, un tablet o uno smartphone. Ma ci sono anche giocatori che preferiscono vivere un’esperienza più dinamica e personalizzata rispetto a quella offerta dalle case da gioco tradizionali, senza la costrizione di doversi recare in un luogo fisico, rispettandone l’etichetta e gli orari d’apertura. Online non esistono limitazioni allo spazio disponibile ed il numero di giochi che si possono trovare su una piattaforma online è considerevole. Betway Casinò offre più di 80 slot machine, il cui interesse, come abbiamo visto, è in aumento anche nelle sale da gioco reali, per poi completare l’offerta con tutte le varianti di roulette e blackjack, assieme a giochi esotici come il Pai Gow, pressoché introvabile nei casinò terresti nostrani. Oltre alla quantità, su internet è anche una questione di qualità: quella degli sviluppatori dei software alla base dei giochi. NetEnt e Microgaming, due dei principali fornitori di slot virtuali, prestano un’attenzione particolare alla grafica e ai dettagli, rendendo i vari giochi più piacevoli, cura testimoniata dai premi vinti nel corso degli anni. Entrambe stanno inoltre lavorando all’integrazione della tecnologia della realtà virtuale nelle slot e NetEnt ha annunciato l’uscita di Gonzo’s Quest VR per l’estate a venire, avanzamento che farebbe di certo fare un balzo avanti all’offerta online nei confronti di quella fisica. La grande quantità di giochi e le continue novità, aggiunte alle caratteristiche citate in precedenza, rendono di conseguenza particolarmente interessante il gaming online.

L’anno appena iniziato sembra indicare un cambiamento nei confronti delle case da gioco italiane, che un tempo erano una destinazione prestigiosa ed esclusiva, al pari del celebre Casinò di Monte Carlo. La loro attività nel 2018 è in declino, complici diversi fattori a partire, probabilmente, dal gaming online, più facilmente fruibile. In declino, ma non in perdita. Nonostante gli introiti delle case da gioco diminuiscano, infatti, l’interesse generale per il gioco resta alto, rendendolo un settore da continuare a tenere sotto osservazione, che sia in un luogo fisico o virtuale.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009