Nel decennio 1999-2009 i bond hanno reso ben più delle azioni

Di , scritto il 11 Gennaio 2010

Di solito si consiglia di trarre conclusioni sugli investimenti a lungo termine in un arco di tempo non inferiore ai dieci anni. Se lo facciamo con i prodotti finanziari più acquistati nell’ultimo decennio, scopriamo che, mentre l’indice azionario Nasdaq ha perso il 44% dal 1999 al 2009, chi ha creduto nei titoli di stato americani ha guadagnato nello stesso decennio l’85% circa.

Per l’oro, poi, è stata una vera e propria risurrezione (+279%) e lo stesso vale per il petrolio (+210%). Infine, per quanto concerne le valute, questo decennio è stato il periodo del netto declino del dollaro, che ha perso il 12,8% contro una media delle maggiori valute mondiali e ben il 44% nei confronti dell’euro.

Perciò, i piccoli risparmiatori rischiano sempre lo scoppio di una ‘bolla’ speculativa di qualunque tipo. Però, facendo un bilancio su un periodo più lungo, la chiave di lettura più razionale per impostare una strategia di investimento l’ultimo decennio ha confermato che non è non vero che il rischio comportato dalle azioni remunera di più dei titoli di stato, anche su mercati sviluppati e consolidati come quello americano ed europeo. Dieci anni di pazienza per gli investimenti azionari non garantiscono di riuscire a recuperare le perdite. Alla fine vincono quelli che vanno controcorrente.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009