Polizze vita sottoscritte prima del 2001: se possibile evitare il riscatto anticipato

Di , scritto il 11 Ottobre 2012

Quando si fa fatica ad arrivare a fine mese, può sorgere la tentazione di riscattare i versamenti effettuati in passato per una polizza vita non ancora arrivata a scadenza e i cui ricarichi aumentano in maniera sorprendente, con cifre sempre più alte da versare per ogni anno che passa (anche del +6,5%). Oppure si potrebbe pensare di investire il denaro in altra maniera: il riscatto in sé non è sconsigliabile, poiché non prevede costi – e quando il bisogno lo impone, è legittimo. Tuttavia, bisogna tenere presente che le polizze vita stipulate prima del 2000 hanno dei vantaggi non indifferenti:
* i premi sono detraibili al 19% in sede di dichiarazione dei redditi – un’agevolazione fiscale che non vale più per le nuove polizze;
* di solito garantiscono un rendimento minimo molto interessante (ad esempio, il 4%) sia durante la fase di accumulo che quando si arriva all’erogazione del vitalizio – molto di più di quanto offrono i prodotti assicurativi del ramo vita oppure altre forme di investimento munite di garanzia;
* la commissione per la gestione del rendiconto è pari a zero, quindi il capitale non diminuisce.

Per tutti questi motivi non ha sempre senso porre fine a questa forma di risparmio forzoso assicurativo.

Mascherine in pronta consegna

1 commento su “Polizze vita sottoscritte prima del 2001: se possibile evitare il riscatto anticipato”
  1. aldo barone ha detto:

    se riscuoto una polizza vita stipulata prima del 2000, devo dichiararla nella dichiarazione dei redditi?


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009