Cultura finanziaria nelle scuole: il progetto Impronta economica di PattiChiari

Di , scritto il 13 Giugno 2011

Dobbiamo ammetterlo: noi italiani non siamo particolarmente competenti riguardo all’uso del denaro. Stando a quanto dice il Word Competitiveness Index, gli italiani arrivano al 46° posto nelle classifiche mondiali.

La cultura finanziaria continua a scarseggiare, nonostante gli sforzi di Patti Chiari, il consorzio bancario nato per promuovere sia la qualità e l’efficienza del mercato che l’educazione finanziaria in Italia.

Intendiamoci: gli sforzi fatti finora non sono stati nulli, tutt’altro. Ogni iniziativa portata avanti insieme istituti bancari, fondazioni, associazioni di consumatori, enti e associazioni di categoria, consorzi, scuole e università è stata apprezzata e ha suscitato il desiderio di ulteriore azione e/o approfondimento.

Prendiamo l’esempio delle scuole. Più di 200 studenti delle scuole medie hanno partecipato nel corso dell’anno scolastico appena terminato al progetto L’impronta economica, un progetto didattico che fornisce ai ragazzi una formazione iniziale sui temi economici e finanziari, partendo da questioni che appartengono al loro vissuto.

Il corso era articolato su tre incontri:
* Pianificazione economica a livello personale e famigliare, gestione del risparmio e consumi consapevoli.
* Funzionamento e servizi offerti dalle banche, con particolare rilievo dato ai sistemi di pagamento dedicati ai giovani.
* Funzioni della finanza, ruolo delle assicurazioni e introduzione del concetto di rischio.

Ebbene, i questionari di valutazione alla fine dei corsi hanno dimostrato l’efficacia del metodo: l’88% di loro è stato in grado di dare una definizione precisa di “bilancio famigliare”. Rispetto alle conoscenze iniziali, era aumentata del 22% la percentuale di giovani che sapevano come funziona il sistema delle carte di credito prepagate.

Ad esempio, nel video della prima lezione sul bilancio famigliare, a noi piace particolarmente la frase: le entrate in una famiglia sono come le tartarughe, entrano lentamente, mentre le uscite se ne vanno come i leprotti. Una metafora difficile da dimenticare, anche per i più piccoli.

Ricordiamo poi questo nostro utile articolo sulla paghetta come strumento di educazione finanziaria.

 



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009