Investire nell’oro: grandi opportunità o grandi rischi?

Di , scritto il 14 Luglio 2010

Nell’agosto del 1971, il presidente americano Richard Nixon, nel corso della disastrosa guerra del Vietnam e con un dollaro estremamente debole, dichiarò la inconvertibilità del dollaro in oro. Iniziò allora il disordine monetario, la fine – dopo millenni – dell’oro come base delle monete. Da quel momento il metallo giallo divenne una normale materia prima, di notevole interesse solo per le banche centrali e per i proprietari delle miniere.

Oggi non è più così: la grande incertezza che domina sui mercati finanziari internazionali e la paura di una fortissima inflazione hanno convinto moltissimi investitori a investire in oro. La conseguenza di tutto ciò è che il prezzo dell’oro si è quadruplicato rispetto ai primi anni 2000 e si pensa che possa crescere ulteriormente.

Allora conviene investire in oro? Se veramente si pensa che stiamo andando verso una grande inflazione, la risposta è ‘sì’. Se invece, pur lentamente, la situazione economica globale rientrerà nei binari, allora tra qualche anni si parlerà de ‘la grande bolla dell’oro’.


1 commento su “Investire nell’oro: grandi opportunità o grandi rischi?”
  1. […] La salita delle quotazioni dell’oro è continua e quotidiana. Con record mai toccati in passato. E lo stesso vale per l’argento. L’acquisto di monete e lingotti come investimento in beni rifugio non sorprende, ma se l’auspicata ripresa economica arriverà, tra qualche anno parleremo della grande bolla dell’oro. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009