ETF: che cos’è la ‘tracking error volatility’ (TEV)

Di , scritto il 15 Luglio 2013

tracking error volatilityUn concetto di estrema importanza nell’ambito degli ETF è quello di tracking error volatility anche espresso con l’acronimo TEV. Si tratta di un indicatore che misura quando in media i rendimenti giornalieri degli ETF si discostano da quelli dell’indice sottostante (o benchmark). Gli ETF sono dei cloni e perciò se sono efficienti non devono “viaggiare in maniera indipendente”, bensì replicare fedelmente l’evoluzione e l’andamento dell’indice sottostante. Talvolta il gestore tenta di battere il benchmark con strategie come il sovrappesare o il sottopesare alcuni titoli e allora questa differenza può aumentare (sia in negativo che in positivo).

Se la TEV ha un valore elevato, esso indica che la gestione del fondo di investimento è attiva. Se invece ha una valore basso, questo indicatore evidenzia una gestione passiva dell’ETF.

Un modo per verificare se un ETF è ben gestito, è vedere se la TEV non superi il TER (total expense ratio), di cui abbiamo già parlato.


1 commento su “ETF: che cos’è la ‘tracking error volatility’ (TEV)”

Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009