Azioni Amazon: performance negativa?

Di , scritto il 15 Novembre 2019
azioni amazon

Poco dopo la pubblicazione dei dati relativi al terzo trimestre 2019, moltissimi investitori si sono subito lanciati sul titolo, con atteggiamento completamente diverso rispetto ai mesi precedenti e con l’intenzione di scagliarsi contro il colosso di Seattle come avvoltoi su una carcassa.

Tuttavia Amazon non ha subito affatto quel ridimensionamento che molti speravano e i dati dell’ultimo trimestre lo mettono bene in chiaro.

Terzo trimestre: gli utili netti in calo

Finito il 30 settembre 2019 il terzo trimestre dell’anno per la società di Jeff Bezos: tirate le somme vengono pubblicati i bilanci e i numeri parlano chiaro.

La società, leader mondiale dell’e-commerce, assiste ad un calo degli utili netti rispetto ai dati dello stesso trimestre dell’anno precedente di oltre il -26%. Si è passati da 2,9 miliardi di utile netto del 30 settembre 2018 ai 2,1 miliardi del settembre 2019. Il primo calo degli utili netti che la società deve affrontare dopo due anni di performances straordinarie.

Allo stesso tempo l’utile per azione scende a 4,23 dollari, registrando un sonoro -36% rispetto alle stime degli analisti.

Si comprende, su questa base, come mai gli investitori hanno immediatamente urlato al ridimensionamento, specialmente in vista del fatto che, immediatamente dopo la pubblicazione dei bilanci, il mercato ha prontamente realizzato un movimento correttivo che ha portato il titolo al -9%.

Crescono i ricavi: Prime Day record di incassi

Il motivo per cui è assolutamente prematuro parlare di ridimensionamento di Amazon?

Continuando a spulciare il bilancio pubblicato dalla società si può vedere un aumento dei ricavi (+24%) che si arrestano sopra i 70 miliardi di dollari.

Il cuore pulsante di Amazon, la Amazon Web Services, la sezione che si occupa di tutto ciò che ha a che vedere con i servizi di cloud computing, continua ad essere in crescita del +36% e parimenti fa la sezione di video streaming, alla base delle offerte di Amazon Movie: con Netflix che inizia a navigare in cattive acque, Amazon Movie sta iniziando la corsa per accaparrarsi il mercato.

Parimenti arriva la risposta che Bezos aspettava da tempo: l’investimento di oltre 1,5 miliardi di dollari per rendere ancora più efficiente il servizio di consegne, infatti, ha raggiunto gli obiettivi sperati. Il lancio del servizio, l’Amazon Prime Day, ha segnato il record di incassi per la società.

Investire 1,5 miliardi e assumere altre 100.000 persone, alla fin fine, si è dimostrato essere quel tipo di investimenti pesanti e lungimiranti per cui Bezos è famoso e rispettato in tutto il mondo.

Le spese del colosso e gli errori degli investitori

Una parte crescente del momentaneo calo delle quotazioni subito dalle azioni Amazon, inoltre, è da attribuire alle spese che ne hanno causato la decrescita degli utili. Si è detto 1,5 miliardi e 100.000 assunzioni per l’Amazon Prime Day. Ebbene non è l’unica novità che bolle nel gigantesco calderone delle idee di Bezos.

La collaborazione con Poste Italiane, infatti, se da un lato ha permesso alla società di migliorare i servizi di consegna sul suolo italiano, dall’altro ha comportato una spesa iniziale non indifferente. Parimenti lo è stato l’avvio del progetto di costruzione di un aeroporto integralmente di Amazon, nel Kentucky, con la creazione della società Prime Air che lo gestirà.

Infine, la collaborazione per il progetto della Torre di Milano, soluzione innovativa dello smart living, che vedrà il compimento nel 2022, è un altro investimento a lungo termine che, tuttavia, nel breve periodo si è fatto sentire sulle casse di Amazon.

Per questa serie di motivi se la risposta trovata dagli investitori alla domanda su come investire online su Amazon contempla unicamente la possibilità di speculare sul titolo, si sappia che si è in errore e il breve periodo schiude solo le opportunità meno proficue delle operazioni complessive possibili sul titolo Amazon.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009