Dichiarazione dei redditi: tutti i dettagli sul Bonus Sicurezza (detrazione del 36%)

Di , scritto il 19 Aprile 2012

Si parla molto della detrazione IRPEF del 36% sui lavori di ristrutturazione, ma non tutti sanno che la stessa percentuale di sconto spetta anche sugli interventi per prevenire infortuni domestici, furti e rapine, ovvero per l’adeguamento degli impianti alla normativa in materia di sicurezza.

Per esempio, è possibile detrarre in parte le spese per la sostituzione di tubi del gas, installazione di sensori di fumo, riparazione di prese elettriche mal funzionanti e installazione di corrimano. Non sono invece più previsti sconti per l’acquisto di elettrodomestici muniti di nuovi meccanismi di sicurezza (per godere del bonus bisogna che l’acquisto sia collegato a un intervento sull’immobile).

Il bonus del 36% spetta anche a chi adotta misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi (furti e rapine in primo luogo). Quindi l’installazione di porte blindate o rinforzate, spioncini, catenacci, cancellate, recinzioni, grate alle finestre, tapparelle metalliche con bloccaggi, vetri antisfondamento o casseforti murate. E’ agevolata anche l’installazione di impianti di allarme, fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati.

Per essere detraibili, le spese sostenute devono essere state pagate mediante bonifico bancario oppure bollettino postale.

Ricordiamo che non è più necessario inviare l’apposita Dichiarazione di inizio lavori al centro operativo di Pescara: sarà sufficiente indicare i dati dell’immobile interessato dai lavori nel Modello Unico.

Per eventuali i dubbi consigliamo di leggere con attenzione la Guida alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie 2012, disponibile gratuitamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009