Investire in fondi etici conviene?

Di , scritto il 26 Settembre 2008

finanza eticaLa recessione economica che ha interessato Stati Uniti, Europa e Giappone non ha risparmiato niente e nessuno, neanche i fondi etici. In realtà, in questo momento non ci sono investimenti che fanno guadagnare facilmente senza rischi di scossoni dovuti alle crisi, ma, rispetto ai fondi tradizionali, quelli cosiddetti “etici” hanno registrato perdite più contenute, e lo vediamo bene nel settore dei bilanciati: nell’ultimo anno gli etici hanno perso il 6,29% mentre gli altri una media dell’11,04%.

Perché questa differenza? Le banche etiche, investendo solo in società che rispettano la tutela dell’ambiente, i diritti dei lavoratori e in titoli che descrivono in modo chiaro e completo come vengono gestiti i risparmi, hanno evitato trappole come quella dei famigerati subprime, i mutui ad alto rischio che hanno mandato in tilt la finanza mondiale. Questa è infatti la politica di Etica SGR, la società di gestione del risparmio del gruppo Banca Etica, che da sempre esclude le grandi società finanziarie dal suo paniere di investimento. I big di Wall Street sono imprese che hanno punteggi ampiamente inferiori alla sufficienza, per la scarsa trasparenza nella destinazione degli investimenti.

Nessuno è al sicuro dalle conseguenze della crisi, ma chiudere in pari o contenere le perdite può essere già un ottimo risultato.


3 commenti su “Investire in fondi etici conviene?”
  1. […] nel 2008, in piena crisi economica mondiale, avevamo rilevato che gli investimenti in fondi etici erano comunque convenienti per il risparmiatore. A distanza di […]

  2. […] già parlato dei vantaggi degli investimenti etici e oggi l’esempio di Banca Etica è ancora più convincente: ha una raccolta di risparmio […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009