Chiarimenti dal Governo sull’imposta di bollo per i conti bancari

Di , scritto il 30 Maggio 2012

Qualche tempo avevamo fatto notare come il tipo di rendicontazione scelta da un istituto di credito (mensile, trimestrale, semestrale o annuale) influiva in modo iniquo sul totale dell’imposta di bollo, almeno per il 2011.

Ora il Ministero dell’Economia e delle Finanze enuncia con parole chiare l’ammontare dell’imposta di bollo annuale che graverà su conti correnti e conti deposito:
* da 34,20 euro a 1200 euro a seconda del valore medio di giacenza per il 2012
* 0,15% (senza un tetto massimo) a partire dal 2013

L’imposta però non è e non sarà dovuta per quei conti in cui il valore medio della giacenza non è superiore ai 5000 euro oppure è negativo.

L’imposta di bollo deve essere applicata al 31 dicembre di ogni anno, oppure allo scadere di un anno solare (se così stabilisce il contratto con la banca) oppure al momento dell’estinzione del conto, in qualsiasi momento dell’anno.

L’imposta che grava sulle comunicazioni periodiche inviate dalla banca al cliente sarà:
* dell’1 per mille nel 2012
* dell’1,5 per mille per gli anni successivi

Per quanto riguarda le polizze vita, i buoni postali fruttiferi e i prodotti finanziari non dematerializzati (in assenza di un rapporto di custodia) l’imposta deve essere pagata, per ciascun anno, soltanto all’atto del rimborso o del riscatto.

Mascherine in pronta consegna

1 commento su “Chiarimenti dal Governo sull’imposta di bollo per i conti bancari”
  1. Enrica ha detto:

    I conti correnti intestati a persone fisiche hanno il bollo FISSO di 34,2 euro (se superano i 5000 euro di giacenza media).
    Sui prodotti finanziari (compresi i conti deposito) grava invece il bollo progressivo, anche se sotto i 5000 euro!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009